• HOME

  • AGGIORNAMENTI

Ricerca Aggiornamenti

algolia
Digitare il testo di ricerca e premere invio.

Aggiornamenti Pubblicazioni

Il comodato d'uso precario

Disciplinato dagli artt. 1803 e ss c.c., il comodato d’uso è quel contratto in virtù del quale un soggetto (c.d. comodante) concede ad un altro soggetto (c.d. comodatario) il godimento di un bene mobile o immobile, affinché questi se ne serva per un determinato tempo o per un uso determinato, con l'obbligo di restituire la medesima cosa ricevuta. Allorquando il termine di restituzione della res non è stato convenuto dalle parti e non può desumersi dall'uso cui la cosa stessa doveva essere destinata, il comodatario è tenuto a restituirla non appena il comodante gliene faccia richiesta: questa particolare figura giuridica è denominata comodato precario ed è caratterizzata dalla libera facoltà di recesso unilaterale del rapporto riconosciuta al comodante. L'aggiornamento riporta un fac simile di clausola contrattuale di comodato d'uso precario.

Questo aggiornamento è disponibile in formato MS Word e Portabile pdf

Opera a cui si riferisce questo aggiornamento

VAI ALL'AGGIORNAMENTO

La valutazione del danno biologico - le tabelle del Tribunale di Roma

Il Tribunale di Roma, con nota n. 7197 del 28 dicembre 2018, a seguito delle novità normative introdotte in tema di risarcimento del danno non patrimoniale dalla L. n. 24/2017, in materia di responsabilità professionale sanitaria, e dalla L. n. 124/2017, ha pubblicato le nuove tabelle per la liquidazione del danno biologico. Nella nota i giudici capitolini hanno fornito chiarimenti circa i criteri con i quali le tabelle sono state redatte, illustrandone l’aspetto innovativo, coincidente con la previsione di nuove fattispecie di danno biologico quali il danno da perdita parentale, il danno catastrofale biologico e morale nonché la personalizzazione del danno biologico attraverso l’introduzione di parametri di determinazione del risarcimento differenti a seconda delle circostanze del caso concreto. L’aggiornamento riporta il testo integrale della nota n. 7197 del 28 dicembre 2018 emessa dal Tribunale di Roma e le relative tabelle per la liquidazione del danno biologico.

Questo aggiornamento è disponibile in formato MS Word e Portabile pdf


VAI ALL'AGGIORNAMENTO

Il contratto di cessione del credito

Disciplinata dagli artt. 1260 e ss. c.c., la cessione del credito è un accordo in virtù del quale il creditore (c.d. cedente) trasferisce, a titolo oneroso o gratuito, ad altro soggetto (c.d. cessionario) il suo credito. Si distinguono due tipologie di cessione del credito: a) la cessione pro soluto, con la quale il cedente garantisce l'esistenza del credito al momento della cessione e l'inesistenza di cause di nullità, annullabilità o altri vizi che possano inficiare il credito; b) la cessione pro solvendo, con la quale il cedente garantisce non solo l'esistenza del credito, ma anche la solvenza del debitore. L’aggiornamento riporta un fac simile di contratto di cessione del credito, con relativa definizione delle pattuizioni concernenti il prezzo della cessione e la garanzia del credito ceduto.

Questo aggiornamento è disponibile in formato MS Word e Portabile pdf

Opera a cui si riferisce questo aggiornamento

VAI ALL'AGGIORNAMENTO

Atto di accettazione del mandato

Il mandato, disciplinato dagli artt. 1703 e ss. c.c., è quel contratto in virtù del quale un soggetto (c.d. mandatario) si obbliga a compiere uno o più atti giuridici nell’interesse di un altro soggetto (c.d. mandante).Trattasi di un contratto consensuale, presumibilmente a titolo oneroso (anche se nella prassi non mancano le ipotesi di mandato a titolo gratuito), che può essere generale, se relativo a tutti gli affari del mandante, ovvero speciale, qualora sia riferito a singoli atti. Si distingue, inoltre, tra mandato con rappresentanza – in cui il mandatario può agire in nome e per conto del mandante (ex art. 1704 del c.c.) grazie al potere conferitogli con il rilascio della procura – e mandato senza rappresentanza, quando il mandatario agisce solo per conto ma non in nome del mandante (ex art. 1705 del c.c.). L’aggiornamento include un fac simile di atto di accettazione del mandato, redatto nella duplice forma dell’atto pubblico e della scrittura privata.

Questo aggiornamento è disponibile in formato MS Word e Portabile pdf

Opera a cui si riferisce questo aggiornamento

VAI ALL'AGGIORNAMENTO

La rinuncia al diritto di riscatto

Disciplinata dagli artt. 1500 e ss. del c.c., la vendita di immobile con patto di riscatto consiste in una compravendita di un bene immobile caratterizzata dalla peculiarità che il venditore si riserva il diritto di riacquistare la proprietà del bene venduto mediante la restituzione del prezzo, delle spese sostenute per la vendita e delle spese necessarie alla conservazione del bene. L’aggiornamento include un fac simile di atto unilaterale di rinuncia al diritto di riscatto, redatto nella forma dell’atto pubblico, applicabile nella pratica alle ipotesi nelle quali il venditore intenda rinunciare al diritto di riscatto riservatosi e pattuito nel contratto di compravendita dell’immobile.

Questo aggiornamento è disponibile in formato MS Word e Portabile pdf


VAI ALL'AGGIORNAMENTO

Aggiornamenti Pubblicazioni

Aggiornamenti al 22/02/2019
861

Come scaricare gli aggiornamenti

Oltre al libro forniamo sempre aggiornamenti e/o integrazioni per tenere aggiornato il professionista.

L'area aggiornamenti è una sezione del nostro portale dedicata ai nostri clienti che hanno comperato una nostra opera editoriale.

Gli aggiornamenti sono offerti gratuitamente ai nostri iscritti. Peranto, per poter scaricare i contenuti bisogna registrarsi con il codice di registrazione che viene fornito insieme all'opera all'interno del plico consegnato dal corriere.

Per visualizzare un esempio di una nostra "Lettera con Codice di Registrazione"...